Pisa & pasta e fagioli con cavolo nero

pasta e fagioli. from tartamour.com

cavolo nero

 Toscana, mon amour!

Paesaggi fugaci attraverso il finestrino del treno non mi stupiscono a volte più. Inizio a leggere qualche pagina del libro. Ma con l’angolino dell’occhio ci ricado: sullo sfondo poco a poco iniziano le colline coltivate a vite e con i cipressi sulle punte che  mi ricordano i cappelli dei nani di Biancaneve. Ogni volta che vado in quest’angolo di terra magica mi sembra di sognare e l’immaginazione non si ferma più.

veg market in Pisa. from tartamour

Leaning Tower of Pisa. from tartamour

Pisa. from tartamour

Nel mese di ottobre ci sono tornata, sempre volentieri. Questa volta ho fatto visita a Pisa. Pochi si ricordano che la città qualche secolo fa poco distava dalla costa e, grazie a fiumi e canali, fu una delle Repubbliche marinare più influenti dell’epoca. Ancora oggi si possono scorgere gli antichi fasti sulle sponde dell’Arno per poi restare completamente a bocca aperta quando si entra nella Piazza dei Miracoli. Qui si trovano, oltre alla torre “che pende che pende e mai va giù”, i monumenti più importanti. Se doveste visitare la città, non perdetevi una visita guidata che vi farà sentire l’eco del Battistero, oppure vi illustrerà la leggenda di Galileo quando si accorse che la terra , guardando il lampadario in Duomo , girava attorno al sole: “eppur si muove”. Senza trascurare la storia, qui la cultura non manca anche in cucina.

Pisa. from tartamour.com

Pisa. from tartamour.com

Pisa. from tartamour.com

pasta e fagioli. from tartamour

pasta e fagioli. from tartamour

Probabilmente il piatto più tipico della zona è il caciucco, ovvero una zuppa di pesce composta da diverse specie di pesci , crostacei , molluschi , polpi , seppie con salsa di pomodoro e servito con pane tostato strofinato con aglio. Tuttavia della cucina toscana in genere amo più di tutto le zuppe di legumi, pare che nei secoli si sia conservata un’impronta rinascimentale anche nelle pietanze. In ricordo della bella gita oggi vi preparo una pasta e fagioli, tipico piatto con mille rivisitazioni,  se vi capita provate questa!

Pisa. from blog tartamour

pasta e fagioli

Pasta e fagioli con cavolo nero e pancetta

per 3-4 porzioni
tempo di preparazione: 10 min + ammollo per una notte
tempo di cottura: 60 mn

Cosa serve:

1 tazza di fagioli bianchi secchi
1 peperoncino secco
3 spicchi d’aglio
10-12 foglie di cavolo nero
2 rametti di rosmarino
6 grani di pepe
1/2 bicchiere di ditalini “o altra pasta corta
10-12 fette sottili di pancetta
2-3 cucchiai di olio evo
sale

Come fare:

 Lasciate i fagioli a bagno la notte .

Scaldate in una casseruola profonda l’olio d’oliva con gli spicchi di aglio, un rametto di rosmarino, qualche fetta (4/5) di pancetta e i peperoni piccanti tritati privati dei semi. A chi non piace il sapore sapido , utilizzare solo la punta. Tutto a  fuoco medio per un paio di minuti per acquisire il sapore delle spezie, ma attenzione che l’aglio non bruci. Togliere l’aglio prima di aggiungere i fagioli .
Risciacquare i fagioli in acqua fredda e versarli nella pentola con le spezie , aggiungete dell’ acqua abbondante. Condite con sale a piacere , aggiungete il pepe in grani e lasciate cuocere per circa 45-50 minuti. Se il composto si scopre per la troppa acqua evaporata, aggiungerne finchè i fagioli saranno di nuovo sommersi.

Aggiungete la pasta  e  le foglie di cavolo nero mondate. Cuocere fino a quando la pasta sarà cotta.
Preparate le fette di pancetta rimaste: preriscaldare il forno a 210-220 °, mettere le fette su una teglia foderata con carta da forno e cuocete per qualche minuto, fino a quando è ben tostato e indurito.
Servire e guarnire con le fette croccante.

Buona settimana!

Pisa, Italy. from blog tartamour.com

 

Written By
More from Tartamour

Sapore di Provenza: caprino alle erbe

Charles Baudelaire in una sua poesia inserita nei "Les Fleurs du Mal",...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *